Big M nuovamente sotto accuse

Big M nuovamente sotto accuse

Continuano i problemi legati ai brevetti software per Microsoft. Questa volta nel mirino c’è la tecnologia .Net nella sua ultima incarnazione. Vertical Computer Systems, un importante (ed agguerrito) ISP di FortWorth, Texas, ha richiesto a Big M di cessare la distribuzione delle ultime tecnologie .Net pena un immediato procedimento legale contro il colosso di Redmond.
Il fulcro della questione sta nell’utilizzo del linguaggio XML utilizzato nel framework .Net per creare una struttura basata su componenti per creare siti web. Pare che Vertical Computer Systems abbia brevettato in precedenza un sistema identico chiamato SiteFlash, e che quindi Microsoft stia effettivamente infrangendo il brevetto già esistente per un sistema finalizzato a generare siti web in un “arbitrary object framework”.
Se in caso di procedimento legale il tribunale darà ragione a Vertical Computer Systems, quella che oggi conosciamo come tecnologia .Net potrebbe subire profonde modificazioni o addirittura essere tempestivamente ritirata dal mercato.

L’articolo originale sul sito InfoWorld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.