Arriva lo spam MP3

Arriva lo spam MP3

I laboratori di Kaspersky Lab hanno segnalato un’attività di mass-mailing di file audio in formato MP3, un fatto ritenuto ancora inedito per il traffico e-mail europeo. Questo tipo di spam viene definito anche ‘stock spam’, ossia che ha lo scopo di far crescre determinati titoli azionari, promuovendoli. Le e-mail rilevate da Kaspersky Lab non contenevano nessun testo ma solo una registrazione audio di durata variabile tra 25 e 33 secondi, con una voce femminile un po’ distorta che invitava ad acquistare azioni di una determinata società. Lo scopo degli spammer, spiega Kaspersky, è quello di poter creare profitto attraverso la successiva vendita di titoli dell’azienda pubblicizzata.

Gli esperti sostengono, però, che questo metodo incontra delle difficoltà di carattere tecnico, in quanto per poter ridurre il più possibile le dimensioni delle email è necessario utilizzare una bassa qualità sonora. Di conseguenza è più difficile capire cosa viene detto, anche alzando il volume al massimo. Inoltre, per poter eludere i filtri anti-spam, gli spammer hanno dovuto modificare il file audio ad ogni invio, peggiorandone ulteriormente la qualità. Gli analisti della società di sicurezza ritengono che questa tipologia di spam difficilmente sostituirà quella tradizionale, in particolar modo per la bassa qualità sonora che ne scoraggia l’ascolto.

“Gli utenti si inviano spesso file audio con registrazioni divertenti o altro. Sembra che gli spammer contino sul fatto che gli utenti possano confondere i loro messaggi con questo tipo di file e li aprano. Ma la scarsa qualità della registrazione fa capire subito che non si tratta di qualcosa di divertente nè di utile. Può anche darsi che questo tipo di spam si diffonda ancora, ma non credo avrà nessun impatto sulle nostre statistiche del flusso di spam”, commenta Andrey Nikishin, security outsourcing operation director di Kaspersky Lab.

ComputerWorld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.