Così parlò Stonebraker

Così parlò Stonebraker

Verticalizzare, parallelizzare. Spostarsi da un antiquato schema a righe (records) con eventuali relazioni tra esse, a uno schema “vettoriale” più vicino al concetto di arrays paralleli.
Così ha parlato il guru dei database, Michael Stonebraker, tra i co-autori delle tecnologie Ingres e Postgres che oggi caratterizzano molti tra i principali database relazionali: Microsoft SQL Server, Sybase Adaptive Server Enterprise, l’omonima Ingres e IBM Informix, e altri.
Oggi Stonebraker sostiene che i database relazionali nei cui termini ormai molti sviluppatori sono abituati a ragionare, sono ormai vecchi e superati. Per usare parole sue, si tratta ormai di una “tecnologia legacy”.
Oggi questo bizzarro e rivoluzionario pioniere dei dati sostiene che il futuro dei database sta nella vettorizzazione, cioè nella rotazione di 90° delle tabelle. Il riferimento va ai cosiddetti “database orientati alle colonne” come quello realizzato dalla sua Verticals Systems, il quale memorizza i dati verticalmente in colonne di tabelle, anzichè in righe successive.
Mettendo dati simili insieme, i database orientati alle colonne vogliono minimizzare il tempo necessario alla lettura dal disco, che può invece aumentare quando si eseguono calcoli su larga scala come quelli tipici di un data warehouse. E secondo Stonebraker i database a colonne “con il tempo conquisteranno il mercato warehouse… mi aspetto che la transizione a store di colonne accadrà abbastanza rapidamente”. In particolare ritiene che oggi molti utenti di warehouse hanno problemi considerevoli (“non possono caricare nella finestra di caricamento disponibile, non possono supportare query ad hoc, non possono ottenere prestazioni migliori senza un aggiornamento”)
I sistemi di database orientati alle colonne non sono nuovi. Sybase vende da anni il suo database IQ come soluzione di business intelligence ad alte prestazioni. Più recentemente si è parlato di BigTable, il database che Google ha realizzato per gestire diverse sue applicazioni, che memorizza i dati in colonne. Tuttavia rimane un’offerta di nicchia. In confronto i player leader sul mercato dei database mainstream, stimato a 15 miliardi di dollari all’anno a livello mondiale, fanno tutti affidamento sui sistemi che utilizzano tabelle basate su righe.
Organizzare i dati per righe ha però anche i suoi vantaggi. Scrivere i dati sul disco in formato “row” è più rapido che farlo per “column”. E’ questa la chiave delle applicazioni di database ad alte transazioni dove i dati vengono costantemente letti e scritti sul database. Un elemento considerato meno importante per i data warehouse, dove i dati vengono tipicamente scritti solo una volta e a cui, successivamente, si accede molte volte.
Tuttavia la verticalizzazione apre la strada a operazioni di parallelizzazione molto interessanti nel processare sequenze di dati uguali. I programmatori a basso livello conoscono quanto possa essere vantaggioso accedere a tecnologie di esecuzione parallela di dati multipli con singole istruzioni, come nei modelli SIMD che ormai sono di casa nei processori moderni. I dati organizzati in modo sequenziale come propone Stonebraker sono praticamente già pronti per questo interessante discorso nell’ottica di un aumento drammatico delle prestazioni dei propri database warehouse.
Tornando a Vertica, Stonebraker afferma che la startup propone anche una compressione dati particolarmente aggressiva e un esecutore di query che agisce sui dati compressi. In questo modo “Vertica batte tutti i ‘row store’ del pianeta – tipicamente di un fattore 50… Gli unici motori che si avvicinano sono gli altri ‘column store’m che Vertica tipicamente batte di un fattore 10”. Stonebraker aggiunge che altre aziende simili a Vertica possono fare lo stesso.

Su ComputerWorld l’articolo ispiratore di questo post. Caldamente consigliato a chi sviluppa e organizza dati per applicazioni distribuite o web.

Minaccia informatica dall’estremo oriente

Minaccia informatica dall’estremo oriente

la notizia ha ormai risonanza mondiale, a giugno un gruppo di hacker dell’esercito cinese ha attaccato con successo i sistemi informatici del Pentagono stando alle affermazioni degli ufficiali Americani.
Il Pentagono ha accusato lo spegnimento di parte dei suoi computer, secondo le affermazioni di Robert Gates, segretario alla difesa, tuttavia non ha affermato con certezza la vera provenienza dell’attacco.
Alcune fonti sostengono che l’attacco provenga precisamente dall’Esercito di Liberazione del Popolo.
Come era prevedibile, il ministero della difesa cinese a Beijing declina ogni responsabilità sull’eclatante gesto dimostrativo.
Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha evidenziato simili tentativi condotti sui sistemi informatici del governo tedesco col primo ministro cinese Wen Jiabao in una visita. Come risposta Jiabao ha evidenziato come il goversno cinese giudichi in modo assai severo “ogni atto criminale in ambito informatico, incluso l’hacking di sistemi informatici di qualunque genere”.
“Abbiamo leggi specifiche per trattare questi casi”, afferma con sicurezza Jiang Yu dal ministero. “L’hacking è un problema diffuso e la Cina ne è spesso vittima”
Tuttavia la sensazione diffusa è che i militari cinesi siano in possesso di spiccate competenze informatiche in campo di violazione di sistemi informatici. La guerra non si conduce solo con i missili dopo tutto.

Nasce il portale Nuova TVP

Nasce il portale Nuova TVP

E’ ormai attivo da alcune settimane il portale Internet della televisione digitale terrestre Nuova TVP.
Nato dalla collaborazione tra la popolare emittente e la Norz Webmarketing, questo progetto è teso ad offrire contenuti di rilievo all’utente televisivo ma anche all’internauta navigato.
Oltre a implementare una pratica gestione del palinsesto televisivo, il sito web offre indistintamente contributi video filmati e prodotti dalla stessa TVP oltre che articoli d’informazione e rubriche provenienti dalla medesima redazione.
Norz cura la struttura tecnica del CMS (Content Management System) e il design del portale, attualmente ancora in fase di crescita e maturazione per soddisfare un pubblico sempre crescente.

www.nuovatvp.it